Fino al 23 giugno 2019, il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea ospita la personale Anri Sala. AS YOU GO, a cura di Carolyn Christov-Bakargiev e Marcella Beccaria.

Il progetto espositivo, ideato appositamente per il terzo piano del Castello e dedicato all’artista Anri Sala (Tirana, 1974), approfondisce il riferimento alla musica, parte integrante della sua ricerca, e raccoglie alcune delle più significative opere filmiche realizzate dall’artista negli ultimi anni.

A partire dal ritmico rullo di tamburi dell’installazione Bridges in the Doldrums(2016), passando per le incalzanti melodie al piano di Ravel, Ravel(2013) e Take Over(2017), terminando con il dolce e delicato suono della viola in If and Only If(2018), si è accolti e coinvolti attraverso l’elemento sonoro e musicale, che si lega in un connubio perfetto con gli elementi visivi. Attraversando la passerella sospesa sulla possente e potente struttura architettonica del Castello, l’installazione Bridges in the Doldrums (2016) sembra quasi preparare con il rullo di tamburi a quanto succederà dopo, accrescendo il pathos emotivo che raggiunge il suo culmine entrando nel buio imperante che avvolge il visitatore nelle sale dedicate ai video. In questo spazio, le immagini proiettate lungo tutta la parete diventano sempre più magnetiche e si è portati a seguirne il loro svolgersi, con un ritmo visivo e sonoro affascinante e coinvolgente, ritornando anche sui propri passi, per continuare ad avere visioni e suggestioni molteplici della narrazione visiva. 

Attraverso questo allestimento suggestivo si viene così messi in relazione con lo spazio circostante, fruendo in maniera completamente libera e immersiva le opere in mostra, le quali sono state rimodulate ad hoc in questa occasione. In particolare, le tre proiezioni sono state ripensate in modo che, in maniera alterna, si snodino lungo gran parte dello spazio espositivo, attraversando le sale come una sorta di grande narrazione in continuo movimento.

Alice Vangelisti